Clear

di questi tempi

telefono

Fu un caso.
Una particolare congiuntura volle che tutti i pianeti del sistema si allineassero, creando un vortice di attrazione potenziato dall’energia di un’esplosione solare e questa sorta di fuso gigante, ruotando, filò un raggio di neutrini così denso da sembrare un filo di ragno teso dallo spazio profondo fino al suo cellulare.
È certo che lui non se ne accorse, non subito almeno. E anche quando capì, il modo non gli fu chiaro.
Ma che ci fosse una spiegazione scientifica era ininfluente. Ai fini pratici capire perché piove o nevica, lascia il tempo che trova, non modifica né la natura e nemmeno l’importanza dell’evento. È il risultato che conta.
E qui il risultato era inopinabile.
Il processo era semplice: lui inquadrava attraverso la fotocamera del cellulare, metteva a fuoco un oggetto o un dettaglio, nel senso che era esattamente quella la cosa, il punto che a lui interessava, a…

View original post 1.356 altre parole

Annunci

6 thoughts on “Clear

  1. Complimenti, mi è piaciuto molto. Credo che il finale che hai immaginato sia il più logico. Ci possono essere dei criteri scientifici che definiscono il bello, ma sono poi così tanti gli aspetti emotivi soggettivi che nessuno può pensare di eliminare il brutto incontrando l’approvazione di tutti.

    • Grazie per il tempo è la disponibilità. Un’ultima considerazione sul tuo testo sulla bellezza: se “l’apprezzamento estetico dei volti umani sembra essere profondamente radicato nei meccanismi biologici” i “brutti” i diversi, saranno in qualche
      modo sempre discriminati. Ci sarà sempre qualcuno che si sentirà in diritto di in qualche modo eliminare chi non corrisponde ai canoni

      • Infatti succede… per questo è importante comprendere che la propria definizione di bello non è oggettiva, ma è dettate da componenti personali. Quindi il “brutto” diventa addirittura funzionale ad una conoscenza profonda di sé.

  2. bello e/o brutto sono concetti relativi, da sempre, tuttavia nel racconto emerge una verità, esistono cose oggettivamente brutte oltre ogni relatività. Il bello, in fondo, è solo armonia tra le componenti, compensazioni estetiche bisognose di imperfezioni catalizzanti. Dovessimo costruire, per esempio, un essere umano assemblando occhi più belli, capelli più belli, naso più bello, lebbra più belle, ecc. ecc. fino ai piedi, verrebbe fuori un mostro inguardabile. Ciò significa che il bello si esalta nella non bellezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...