Il ballo della medusa

img_8289

Non so a cosa devo il mio legame con l’acqua, una nostalgia che da sempre mi accompagna.
Qui, mentre lei racconta le sue storie agli scogli, un tocco leggero mi accarezza l’anima.
Le parole non prendono forma, restano mute, fuse in un groviglio.Dentro, un NO perentorio stenta a lasciarsi sedurre, a sciogliersi, a scomparire. Protegge qualcosa in cui crede, resiste. Una patina di sano cinismo trasformata in robusta vernice di disillusione. Così credevo, eppure guardando tra le scrostature che il tempo lento evidenzia, sento un tepore che non si è mai spento.
Il NO insiste: non farti incantare dalle richieste dell’anima. Tra poco il tempo lento sarà finito. La vita vera lascerà il posto all’illusione.

Annunci